Home / COMUNI / ACQUAPPESA / Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri: l’area si espande con nuovi gioielli naturali

Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri: l’area si espande con nuovi gioielli naturali

Inclusi nel Parco Marino Riviera dei Cedri tratti di costa dei comuni di Scalea, San Nicola Arcella, Belvedere Marittimo e Cetraro. L’ente Parco della Calabria rende nota l’avvenuta modifica della legge regionale.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

L’Ente Parchi Marini Regionali per la Calabria comunica una significativa modifica alla legge regionale numero 9 del 21 aprile 2008, che ha istituito il Parco Marino Regionale “Riviera dei Cedri”. Tale modifica, sancita con la legge regionale numero 13 del 18 marzo 2024, apporta sostanziali cambiamenti al territorio protetto, non solo ampliando i confini del parco, ma aprendo nuove frontiere nella conservazione della biodiversità marina.

Fino ad ora, il Parco Marino “Riviera dei Cedri” ha custodito gioielli naturali come Isola Dino a Praia a Mare, Isola di Cirella a Diamante, Scoglio della Regina ad Acquappesa e sorprendenti fondali marini.

“Tuttavia – recita una nota dell’Ente -, era giunto il momento di ampliare questo prezioso patrimonio naturale. Con un’estensione fino alla Zsc Fondali Isola di Dino-Capo Scalea e alla Baia del Carpino – Ajnella, oltre alla Zsc Fondali di Capo Tirone a Belvedere Marittimo e Scogliera dei Rizzi a Cetraro, garantendo la protezione di habitat marini unici e preziosi. il Parco abbraccia ora un territorio ancora più vasto e ricco di tesori naturali”.

Dunque, confini estesi e mappa aggiornata, rispetto alla presentazione della sede ufficiale del Parco marino Riviera dei Cedri effettuata qualche mese fa a Praia a Mare (leggi qui).

“Questa importante modifica è un passo fondamentale per la conservazione e la valorizzazione del nostro patrimonio naturale”, dichiara il commissario straordinario dell’Epmr, Raffaele Greco, sottolineando l’importanza della tutela dei nuovi siti inclusi dalla legge regionale, riconosciuti per il loro notevole valore in termini di biodiversità.

Con la presente legge di ampliamento, l’area del Parco passa da una estensione di 485,4 ettari a un’estensione di 877,4 ettari.

Questo ampliamento riflette l’impegno costante della Regione Calabria e dell’Ente Parchi Marini Regionali nell’assicurare la tutela e la valorizzazione del patrimonio naturalistico della Riviera dei Cedri. È certamente un altro passo in avanti, per la nostra regione, una nuova opportunità per proteggere e valorizzare le meraviglie naturali che ci circondano”.

Come detto in fase di presentazione del Parco e della sua sede ufficiale a Praia a Mare, le prossime attività prevedono nelle aree dei Parchi marini e delle Zsc affidate all’Epmrc, la realizzazione di campi boe per l’ancoraggio e le immersioni, cartellonistica e segnaletica, sentieristica, miglioramento della fruizione sostenibile, aggiornamento del censimento di flora e fauna, elaborazione dei Piani e dei Regolamenti.

Parco Marino Riviera dei Cedri, Baia del Carpino – Ajnella

Parco Marino Riviera dei Cedri
La scogliera dell’Ajnella a Scalea

La Baia del Carpino – Ajnella si caratterizza, in particolare, per gli ambienti sommersi, che presentano fondali e tratti di costa di rilevante interesse, per le loro caratteristiche naturali, geomorfologiche e fisiche. La secca antistante l’Ajnella arriva fino alla Baia del Carpino e si estende fino alla profondità di circa 22 metri. Il tratto di costa è ricco di Posidonia oceanica e vanta una diffusa presenza di Pinna nobilis e di Gorgonie, formazione corallifera.

arcomagno san nicola arcella riviera dei cedri parco marino
L’Arcomagno di San Nicola Arcella

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

Mentre l’area della Grotta dell’Arcomagno rappresenta un geosito di interesse scientifico, paesaggistico e didattico-escursionistico. La grotta trae origine dal processo di erosione marina di un promontorio di roccia calcarea di tipo dolomitico, di età triassica, ed è caratterizzata da una piccola spiaggia ciottolosa e una sorgente d’acqua. La laguna, a forma di mezza luna, protetta da un arco in pietra che si erge fino a 20 metri di altezza, offre panorami mozzafiato. La presenza di fori di litodomi e una superficie d’abrasione, ricoperta da sabbie e conglomerati di probabile origine marina, oltre alla storia leggendaria della grotta del Saraceno e dell’Arco di Enea, rendono questo luogo unico.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Impianti solari ospedali Calabria

Impianti solari ospedali Calabria mai entrati in funzione: 5 persone a giudizio per danno erariale da 1,5 milioni di euro

5 tra dirigenti pubblici e professionisti a giudizio per danno erariale di 1,5 milioni di …