Home / IN PRIMO PIANO / Il borgo si rigenera con la Street Art: terminata “Perì ‘etz hadar”

Il borgo si rigenera con la Street Art: terminata “Perì ‘etz hadar”


Nel centro storico di Santa Maria del Cedro ecco la prima opera di arte urbana firmata dallo street artist Antonino Perrotta.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

È stata conclusa ed è finalmente visibile per intero Perì ‘etz hadar, la prima opera di street art nel centro storico di Santa Maria del Cedro.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

L’intervento di rigenerazione urbana è firmato all’artista calabrese Antonino Perrotta, alias Attorrep, nell’ambito del festival itinerante di arte urbana dal nome LAOS.

Ovvero una prosecuzione e rigenerazione dell’originario e noto street art festival OSA Around, che ha rivitalizzato angoli nascosti e scorci paesaggistici del Sud Italia, valorizzando le identità locali e le tradizioni tipiche dei luoghi.

“Proprio come quella del cedro – scrivono dall’ufficio stampa del Laos, operazione Street Art -, caratteristica di questo territorio.

Perì ‘etz hadar – spiegano -, che tradotto letteralmente dall’ebraico significa il frutto dell’albero più bello, è il primo intervento d’arte urbana del progetto Laos.

Secondo la tradizione ebraica, infatti, fu proprio il cedro, e non la mela, a tentare Adamo ed Eva, provocando la loro espulsione dell’Eden. E fu così che Dio indicò a Mosè il cedro quale pianta da utilizzare per la tradizionale festa delle capanne o Sukkoth“.

L’opera, dunque, richiama una tradizione ben radicata nel tessuto sociale del territorio come la coltivazione del cedro e il legame con le molte comunità ebraiche.

È qui – come è noto – che viene coltivata e trattata la qualità che meglio risponde alle esigenze estetiche richieste per la celebrazione della festa ebraica.

La presenza di questi “frutti perfetti” attira sul territorio i rabbini per selezionare personalmente i cedri da utilizzare nella celebrazione in tutto il mondo.

“Obiettivo del progetto Laos – spiegano gli ideatori -, nato in controtendenza rispetto allo spopolamento che affligge molte zone della Calabria, sempre più abbandonate dai giovani, è stimolare una sensibilità legata alla cultura e alle tradizioni, comunicando il senso di appartenenza alla propria terra.

Soltanto così un borgo può ripartire, trasformandosi e attraendo visitatori, stimolando inoltre alla riapertura di esercizi commerciali o all’insediamento di nuovi nuclei familiari”.

La mente che ha partorito questo format è Antonino Perrotta, in arte Attorrep.

“Gli interventi artistici – si legge in un comunicato stampa -, fortemente voluti dall’amministrazione comunale, interessano il centro storico di Santa Maria del Cedro, inserendosi nel suo contesto urbano senza alterarne l’identità, creando un dialogo tra arte e architettura, tra spazio e ambiente, attraverso un percorso costituito da più tappe e da una serie di operazioni di street art realizzate nel corso dell’anno”.

Il festival Laos nasce grazie alla collaborazione tra il Comune di Santa Maria del Cedro, l’Associazione Culturale Haz Art e Artemisia Paint, ponendosi come continuazione e rigenerazione di Osa, ma allo stesso tempo differenziandosi dall’originaria kermesse.

“Rigenerare il centro storico attraverso immagini che rievocano un flashback cronologico inverso, a partire dalla storia più recente fino ad arrivare alle primissime tracce storiche – spiega Antonino Perrotta –.

Santa Maria del Cedro possiede uno dei maggiori patrimoni storico-culturali del Mezzogiorno ed è uno degli insediamenti più antichi presenti sul territorio.

Il recupero e la valorizzazione degli usi, dei costumi e delle tradizioni locali, sono tra gli obiettivi essenziali che intendiamo perseguire col nostro festival”.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

tari praia

Praia a Mare, Tari: voto contrario dell’opposizione, ecco perché

Amare Praia: “La previsione di spesa per l’anno in corso non tiene conto degli aumenti …