Home / CRONACA / Omicidio Prisco, Francesco aveva indicato i colpevoli agli investigatori

Omicidio Prisco, Francesco aveva indicato i colpevoli agli investigatori

Emergono i primi dettagli dell’omicidio di Francesco Prisco e su quanto avvenuto la notte del 17 febbraio 2023 a Tortora.


È stato lo stesso Francesco Prisco a fare i nomi degli autori dell’agguato e a indicare con precisione chi gli ha sparato. Dichiarazioni che il giovane tortorese ha reso ai carabinieri nel momento in cui è stato soccorso e trasferito in ospedale e che sono risultate fondamentali per le indagini.

A sparare sarebbe stato A. L., 42 anni di Praia a Mare.

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

Cominciano ad emergere particolari sull’omicidio del 31enne di Tortora, deceduto nella notte tra domenica 26 e lunedì 27 febbraio 2023, dopo essere stato sparato con un fucile dieci giorni prima nei pressi della sua abitazione in via Ruggiero Pucci.

Trasferito all’ospedale di Praia a Mare, Francesco Prisco ha reso una sommaria ricostruzione dei fatti rispondendo alle domande dei carabinieri. Dopo il ricovero all’Annunziata di Cosenza è riuscito a parlare ancora una volta con i militari. A loro ha raccontato quello che è accaduto la notte tra il 16 e 17 febbraio 2023.

Prima della sparatoria, Francesco Prisco ha avuto un litigio con uno dei tre uomini ora indagati per omicidio. Tornando a casa, quella stessa notte, ha poi incontrato un’altra persona alla quale ha chiesto di procuragli della sostanza stupefacente, non potendo lui provvedere a causa del dissidio di prima.

Poi, la telefonata per farlo scendere in strada, davanti al portone di casa. Un attimo dopo, è partito il primo colpo, con il quale Francesco Prisco è stato ferito alla mano. Ha quindi tentato la fuga, ma è stato raggiunto e ferito da un altro colpo. Caduto a terra, ha iniziato a urlare chiedendo aiuto. Infine, l’arrivo dei soccorsi.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

Importanti ai fini delle indagini, anche le immagini di videosorveglianza di un esercizio commerciale situato a breve distanza dalla scena del delitto e alcune testimonianze rese da persone informate dei fatti accaduti quella notte.

I tre indaganti, A. L., difeso dall’avvocato Giuseppe Pizzimenti, M. T., 40enne residente a Tortora e J. R., 40enne di Scalea, sono ora accusati di omicidio in concorso.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

alta velocità tortora praia a mare salerno reggio calabria

Alta velocità Salerno Reggio Calabria, Unione associazioni: “Troppo silenzio nel fase cruciale”

Mentre Rfi ha indetto la conferenza dei servizi sui nuovi tratti di Alta velocità Salerno …