Home / IN PRIMO PIANO / Acqua Tortora, ex amministratori replicano a Toni Iorio: “Medaglia d’oro di arrampicata sugli specchi”

Acqua Tortora, ex amministratori replicano a Toni Iorio: “Medaglia d’oro di arrampicata sugli specchi”

L’attuale sindaco di Tortora ha attaccato i governi precedenti circa canoni dell’acqua non pagati alla Regione Calabria. La risposta di Lamboglia, Matellicani e Fondacaro punta a mettere in evidenza l’inefficienza dell’amministrazione Iorio.

aronne pasticceria marcellina santa maria cedro calabria

“Se ci fosse una specialità olimpica come l’arrampicata sugli specchi il sindaco di Tortora Toni Iorio sarebbe medaglia d’oro”. Lo dicono Pasquale Lamboglia, Filippo Matellicani e Anna Fondacaro, consiglieri comunali di minoranza.

I tre intervengono per replicare alle accuse lanciate recentemente dall’attuale primo cittadino in materia di canoni idrici non pagati dal Comune alla Regione Calabria, oggetto di contenzioso giuridico conclusosi in maniera sfavorevole per l’ente che ora dovrà pagare oltre 300 mila euro di soldi pubblici.

Le pendenze sull’acqua, esistenti da decenni, avrebbero pregiudicato la possibilità per il Comune di Tortora di accedere a finanziamenti regionali specifici (rete idrica, fognatura, ecc.). Questo, in estrema sintesi, ha spiegato Iorio, affidando la posizione dell’ente a una lunga diretta Facebook (è possibile rivederla sulla pagina ufficiale dell’ente).

SEGUI INFOPINIONE SU GOOGLE NEWS

L’odierna replica di Lamboglia, Matellicani e Fondacaro giunge quindi nella loro veste di ex amministratori comunali, chiamati alla responsabilità di quanto accaduto dal sindaco Iorio.

Nessuna volontà politica di non pagare, ma solo una questione giuridica e tecnica relativa agli accertamenti dei presupposti di legge“, hanno replicato i tre.

Nel dettaglio della replica gli ex amministratori precisano che il debito in questione era stato a loro volta “ereditato”, riferendosi in particolare agli anni 2006 e 2007, quando era in carica da oltre un anno la Giunta del sindaco Giuseppe Silvestri, che aveva posto fine al primo doppio mandato dello stesso Lamboglia (1997-2005).

Quel governo cittadino “pur facendo una ricognizione della situazione debitoria e concordando una rateizzazione con la Regione Calabria – ricordano i consiglieri di minoranza -, hanno ritenuto di non pagarlo e di lasciarlo a chi sarebbe arrivato dopo di loro“.

L’amministrazione Lamboglia, tornata in sella dopo 5 anni, nel 2010, “ha sempre seguito la vicenda con la massima attenzione – spiegano l’ex sindaco, Filippo Matellicani e Anna Fondacaro -, trovando come lo stesso sindaco ha ammesso, anche i fondi per pagare“.

Ma venne poi deciso di non mollare un centesimo perché “non ricorrevano i requisiti di legge“. In sostanza, quei debiti non vennero riconosciuti come certi, “dal momento che – aggiungono – nel fascicolo ereditato non risultavano, dal 2007 in poi, atti interruttivi della prescrizione quinquennale, per cui non rimaneva altro che ricorrere, appunto nel 2018, dinanzi ad un tribunale per stabilire la certezza debitoria. Dal 2018 in poi, tra l’altro, si sono accantonati in bilancio anche i fondi per far fronte ad una eventuale soccombenza”.

SEGUI INFOPINIONE SU TELEGRAM

All’accusa che l’esistenza di questo debito abbia pregiudicato l’ottenimento di finanziamenti regionali, i tre consiglieri di minoranza replicano sostenendo che il contenzioso non ha impedito alla precedente amministrazione di ottenere somme, come quelle per opere di contrasto all’erosione costiera e interventi al centro storico.

“Evidentemente – sentenziano Lamboglia, Matellicani e Fondacaro -, gli attuali amministratori hanno gestito la questione con la Regione con la solita superficialità, sia nei rapporti istituzionali che in quelli politici e amministrativi”.

E poi, “se proprio il sindaco Tonio Iorio era convinto che il debito pregiudicasse così pesantemente l’erogazione di finanziamenti regionali per il Comune di Tortora ed era altrettanto sicuro che il contenzioso instaurato con la Regione nel 2018 si sarebbe risolto con una sentenza sfavorevole, perché in questi tre anni e passa di sua amministrazione non ha pensato di rinunciare al ricorso e saldare il debito“?


About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

alta velocità tortora praia a mare salerno reggio calabria

Alta velocità Salerno Reggio Calabria, Unione associazioni: “Troppo silenzio nel fase cruciale”

Mentre Rfi ha indetto la conferenza dei servizi sui nuovi tratti di Alta velocità Salerno …