Home / IN PRIMO PIANO / Praia a Mare, una quercia sul luogo dell’incendio

Praia a Mare, una quercia sul luogo dell’incendio


Su Monte Cangero piantata simbolicamente una quercia nei luoghi distrutti da un recente incendio. Iniziativa del parapendista Nicholas Rinaldi che anche oggi ha visto un principio di incendio sul monte da cui quotidianamente spicca il volo.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

PRAIA A MARE – Ha piantato una quercia da sughero sul monte Cangero.

Un gesto simbolico compiuto da Nicholas Rinaldi, appassionato di parapendio, sulla collina praiese vittima di uno dei tanti incendi di questa estate. Il suo verde spiccherà sul nero del terreno percorso dalle fiamme. Si spera a lungo.

La pineta di Monte Cangero è uno degli obbiettivi preferiti dei roghi estivi. Il 25 luglio 2011 la collinetta fu interessata da un incendio dalla quale uscì semidistrutta. Solo alcuni giorni fa avevamo raccolto la segnalazione di abbandono rifiuti proprio in questo luogo panoramico. Oggi, invece, raccogliamo questo gesto che fa bene all’ambiente. Immaginate se ognuno di noi si prendesse la briga di piantare un albero nei luoghi colpiti dagli incendi.

monte canguro parapendio nicholas rinaldi

Il messaggio di Nicholas e una segnalazione

“Il posto dove voliamo – ha spiegato Nicholas – è tutto bruciato. Non si è salvato molto e ormai va avanti così da 5 anni. Non è più bello salire in decollo con l’odore del bruciato e il paesaggio morto attorno.

Così mi sono procurato una pianta di quercia da sughero come simbolo del fatto che non bisogna arrendersi, ma pensare al futuro.

Questa mattina, lungo la strada che del Saracinello conduce alla Zaparia, non abbiamo incontrato nessuno ad eccezione di una golf scura. Arrivati nel punto dove inizia lo sterrato abbiamo visto che a terra c’erano tracce di pneumatici che andavano in direzione della ex discarica. Nel pomeriggio, proprio mentre mettevo a dimora la pianta nel terreno, abbiamo visto un principio d’incendio venire proprio dalla zona della discarica.

Abbiamo subito chiamato il 1515 che ci ha risposto di aver già ricevuto uno segnalazione. D’ora in avanti monterò una telecamera GoPro sul parabrezza del furgone così che resti tutto documentato.

Voglio impegnarmi per far sì che questo disastro non avvenga mai più. Praia a Mare è un territorio che adoro e in cui vive una comunità che stimo profondamente. Due balordi non possono scegliere il destino di una città, di un territorio”.



About Andrea Polizzo

Giornalista professionista dal 2010 e blogger. Sin dal 2005 matura esperienze con testate regionali di carta stampata, on-line e televisive. Attualmente collabora con il mensile d'inchiesta ambientale Terre di Frontiera e con il network VicenzaPiù. Ideatore di blogtortora.it, caporedattore e coordinatore di www.infopinione.it.

Check Also

Paola, sequestrata area demaniale in località Pennelli

Denunciato un 47enne. Su un’area di oltre 5000 metri quadrati una coltivazione abusiva di piante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright