Home / COMUNI / BUONVICINO / “Appalto amico”, arrestati sindaco e due imprenditori

“Appalto amico”, arrestati sindaco e due imprenditori


A Buonvicino e Maierà turbative d’asta nell’aggiudicare appalti dai rifiuti ai tributi. Si è indagato anche in altri centri dell’Alto Tirreno cosentino.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

SCALEA – Anche un sindaco è finito nella rete di “Appalto amico”.

È questo il nome dato all’operazione per reati contro la pubblica amministrazione scattata questa mattina.

I provvedimenti cautelari sono in tutto tre (due in carcere) e riguardano, oltre al primo cittadino ancora ignoto, due imprenditori.

Allo stato attuale non ci sono molti altri dettagli. Ma la guardia di finanza di Scalea – è stato comunicato – ha indagato nei comuni di Buonvicino e Maierà (ma pare che siano stati interessati anche altri comuni dell’Alto Tirreno cosentino, ndr).

A coordinare il tutto, Pierpaolo Bruni, procuratore capo di Paola. Nel mirino (e secondo i soliti ben informati la cosa era nell’aria) la gestione di diversi appalti pubblici.

Le indagini

Le prime voci parlano di “turbative delle gare e dei procedimenti di scelta dei contraenti della pubblica amministrazione”. Condotte accertate dai finanzieri di Scalea spulciando carte e database.

“Per ciascuna gara pubblica o procedimento di scelta dei contraenti – riferiscono le fiamme gialle – sono state ricostruite le condotte illecite tra soggetti pubblici e privati, in violazione delle norme in materia di appalti pubblici”.

I settori coinvolti sono: raccolta dei rifiuti, assistenza scolastica per persone diversamente abili, servizio supporto ufficio tributi, gestione mense scolastiche.

Se ne saprà di più a seguito della conferenza convocata da Bruni a Paola. Ma di certo sono in corso perquisizioni nella provincia di Cosenza, nei comuni dell’Alto Tirreno cosentino e acquisizioni di atti presso enti.

I dettagli

L’operazione per reati contro la Pa, come detto, ha visto in campo i finanzieri scaleoti comandati da Luigi Magliulo sotto il coordinamento della procura Paolana.

Il Gip paolano Rosamaria Mesiti, al termine delle investigazioni, ha emesso i tre provvedimenti cautelari di cui sopra.

Li hanno richiesti Bruni e i sostituti Lepre e Grieco.


About Redazione

Tutti gli articoli frutto delle richieste di diffusione di comunicati stampa sono curati dalla Redazione di www.infopinione.it. Mail to: redazione@infopinione.it

Check Also

Coronavirus, negativo il secondo test sull’uomo di Cetraro

Nessun caso di Coronavirus in Calabria. Il secondo test effettuato all’Annunziata di Cosenza ha dato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright