Home / COMUNI / COSENZA / Lande desolate, chiesto rinvio a giudizio per Oliverio

Lande desolate, chiesto rinvio a giudizio per Oliverio


La procura di Catanzaro chiede che il governatore calabrese sostenga il processo per le accuse nell’ambito dell’operazione della Dda.

francesco barbir barbiere taglio capelli santa maria del cedro calabria colore acconciature barba

COSENZA – Il presidente della Regione Calabria, Mario Gerardo Oliverio, e gli altri indagati nell’operazione Dda Lande Desolate vadano a giudizio.

È questa la richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro nell’ambito dell’indagine che vede il governatore calabrese accusato di abuso d’ufficio e corruzione.

Per questo motivo, Oliverio era stato raggiunto da un provvedimento di obbligo di dimora a San Giovanni in Fiore, sua residenza. Provvedimento che poi è stato revocato dalla Corte di cassazione.

L’udienza preliminare é stata fissata per il 17 ottobre e il rinvio a giudizio riguarda anche Nicola Adamo ed Enza Bruno Bossio. I due politici, moglie e marito, sono l’ex vicepresidente della regione e deputata del Pd. Anche loro sono accusati di corruzione.

Lande Desolate: le mani sugli appalti pubblici

lande desolate dia gratteri calabria antimafia
Il procuratore Gratteri nel corso della conferenza stampa dell’operazione Lande Desolate della Dda

Lande desolate è l’operazione della Dda contro presunte irregolarità nell’ambito di appalti e finanziamenti pubblici, scattata a dicembre del 2018.

LANDE DESOLATE DDA: TUTTI GLI ARTICOLI

Le opere e i relativi lavori e finanziamenti interessate dalle indagini sono l’ammodernamento dell’Aviosuperficie di Scalea e degli impianti sciistici di Lorica, oltre alla realizzazione di piazza Bilotti a Cosenza (unica opera realmente portata a termine).

Secondo le indagini della Direzione investigativa antimafia, pubblici ufficiali erano asserviti alle esigenze di un gruppo imprenditoriale “attraverso una consapevole e reiterata falsificazione dei vari stati di avanzamento dei lavori”.

Il gruppo imprenditoriale fa capo a Giorgio Ottavio Barbieri, rappresentante dell’impresa aggiudicataria dei lavori. L’imprenditore – lo ricordiamo – risultava già coinvolto nell’operazione Frontiera – 5 lustri, ancora della Dda, contro il clan Muto di Cetraro.

In quest’ultima, Giorgio Ottavio Barbieri è stato recentemente assolto all’esito del primo grado del processo davanti al tribunale di Paola.



About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Enti e associazioni chiedono alta velocità per la stazione di Scalea

Richieste inoltrate a Trenitalia e Italo – Nuovo trasporto viaggiatori per la fermata strategica per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright