Home / COMUNI / COSENZA / Lande desolate, chiesto rinvio a giudizio per Oliverio

Lande desolate, chiesto rinvio a giudizio per Oliverio


La procura di Catanzaro chiede che il governatore calabrese sostenga il processo per le accuse nell’ambito dell’operazione della Dda.

COSENZA – Il presidente della Regione Calabria, Mario Gerardo Oliverio, e gli altri indagati nell’operazione Dda Lande Desolate vadano a giudizio.

È questa la richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro nell’ambito dell’indagine che vede il governatore calabrese accusato di abuso d’ufficio e corruzione.

Per questo motivo, Oliverio era stato raggiunto da un provvedimento di obbligo di dimora a San Giovanni in Fiore, sua residenza. Provvedimento che poi è stato revocato dalla Corte di cassazione.

L’udienza preliminare é stata fissata per il 17 ottobre e il rinvio a giudizio riguarda anche Nicola Adamo ed Enza Bruno Bossio. I due politici, moglie e marito, sono l’ex vicepresidente della regione e deputata del Pd. Anche loro sono accusati di corruzione.

Lande Desolate: le mani sugli appalti pubblici

lande desolate dia gratteri calabria antimafia
Il procuratore Gratteri nel corso della conferenza stampa dell’operazione Lande Desolate della Dda

Lande desolate è l’operazione della Dda contro presunte irregolarità nell’ambito di appalti e finanziamenti pubblici, scattata a dicembre del 2018.

LANDE DESOLATE DDA: TUTTI GLI ARTICOLI

Le opere e i relativi lavori e finanziamenti interessate dalle indagini sono l’ammodernamento dell’Aviosuperficie di Scalea e degli impianti sciistici di Lorica, oltre alla realizzazione di piazza Bilotti a Cosenza (unica opera realmente portata a termine).

Secondo le indagini della Direzione investigativa antimafia, pubblici ufficiali erano asserviti alle esigenze di un gruppo imprenditoriale “attraverso una consapevole e reiterata falsificazione dei vari stati di avanzamento dei lavori”.

Il gruppo imprenditoriale fa capo a Giorgio Ottavio Barbieri, rappresentante dell’impresa aggiudicataria dei lavori. L’imprenditore – lo ricordiamo – risultava già coinvolto nell’operazione Frontiera – 5 lustri, ancora della Dda, contro il clan Muto di Cetraro.

In quest’ultima, Giorgio Ottavio Barbieri è stato recentemente assolto all’esito del primo grado del processo davanti al tribunale di Paola.


About Pierina Ferraguto

Giornalista pubblicista dal 2013. Laureata in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza all'Università della Calabria. Dal 2006 al 2008 lavora come stagista nella redazione di Legnano de Il Giorno. In Calabria lavora con testate regionali di carta stampata e televisive.

Check Also

Belvedere Marittimo, droga e armi: 2 arrestati

In un casolare di Sant’Andrea cocaina, marijuana, un fucile e munizioni. In manette un pregiudicato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Materiale protetto da copyright